set 16

Il cane

Published by

Se un cane vale più di un bimbo


di Maria Volpe


È un po’ che lo penso, ma avevo paura a dirlo. Sì perché nel mondo di oggi suona quasi come una profanazione. Poi, qualche giorno fa, sul Corriere della Sera, in prima pagina, ho visto un titolo “Pensiamo più ai cani che ai bambini”, un’intervista di Gian Antonio Stella a Laura Girotto, una suora che da 18 anni lavora in Etiopia.
E ho avuto un sussulto. Ma allora non sono matta io! Vi prego, leggetelo.
La verità è che una persona come Laura, che da anni ha a che fare con l’essenzialità della vita, quando torna in Italia e si guarda attorno, vede cose che la scandalizzano. E viva Dio che c’è chi ancora si scandalizza, grida la sua indignazione e ci costringe a riflettere. Io vivo a Milano e da qualche tempo ormai ho la netta sensazione che in questa città, (forse anche altrove, me lo direte voi) ci sia più attenzione, rispetto e amore per gli animali che per bambini e anziani. Provate a entrare in un bar con un passeggino gemellare – come è capitato a me – notate la reazione delle persone: fastidio, sopportazio-
ne, maleducazione. Provate poi a entrare con una carrozzella ingombrante con una persona anziana, e disabile. Osservate bene le reazioni: fastidio, sopporta-
zione, ineducazione. Infine un’ultima prova: entrate con un cane, piccolo o grande che sia: sentirete gridolini di felicità incontrollata.
Provate ad andare al mercato (con lo stesso passeggino e la stessa carrozzella di cui sopra) e osservate che succede. Qualche mese fa, in via san marco, mentre facevo la spesa, sfinita, tra sacchetti pesanti e biberon, un uomo mi ha urlato: “Eh certo che se veniamo al mercato anche con il passeggino…”. (per la cronaca, la mia risposta è stata molto volgare, qui non riportabile). L’elenco potrebbe continuare ad libitum…. Viceversa i negozi, ristoranti, mercati sono pieni di cani e gatti. Evidentemente non esiste più quella vecchia norma di educazione – per anni condivisa dalla società civile – per cui gli animali non si impongono ad altre persone, specie in ambienti pubblici perché c’è chi potrebbe non gradire, chi potrebbe aver paura, essere allergico e quant’altro. Ma provate voi a ribellarvi se entrate in un ristorante e al tavolo di fianco al vostro, c’è un cane: rischiate il linciaggio.
Bene, se a tutto questo si aggiungono le considerazioni di suor Laura riguardo l’aspetto consumistico legato agli animali, il cerchio si chiude. Perchè davvero non è solo un fatto di educazione, e quindi formale, (questo forse riuscirei a superarlo) è soprattutto una questione di sostanza, di approccio alle cose, di valori (se va bene capovolti, se va male spariti). Come dice Laura: “È questa sproporzione che mi indigna”. Penso che gli animali si debbano amare , non rendere pupazzi simil-umani. So di essere impopolare e antica, ma questo è il mio pensiero.
E chiariamo: il mio non è affatto disamore per gli animali. È desiderio di priorità. Lo stesso amore, rispetto, attenzione, solidarietà, cura, generosità, tolleranza, disponibilità che la società oggi ha per gli animali, li vorrei per bimbi e anziani. Anzi no, ne vorrei di più per bimbi e anziani.
(P.S. per favore l’unico commento che vi chiedo di non fare è: “gli animali sono spesso meglio di certi uomini”…. vi prego, questo no)

One response so far

One Response to “Il cane”

  1. Mario Mazzolion 22 set 2017 at 07:17

    Cara Maria, proprio in merito al P.S. nonostante la tua preghiera di non farlo, è assolutamente vero che spesso gli animali sono meglio di certi uomini. Verissimo.
    Basta sentire tutto ciò che succede nel mondo e nei nostri dintorni.
    Quanto agli atteggiamenti riscontrati nei confronti di passeggini gemellari, carrozzine per anziani e cani di ogni razza, tipo e taglia, sono certo che si tratta di persone diverse, perchè chi è ostile all’essere umano sicuramente non apprezza il mondo animale.
    Ricordiamoci che siamo tutti creature di Dio, almeno così mi sembra, e quindi chi sa amare non fa distinzioni, chi non sa amare sta sicuramente molto male interiormente e lo manifesta talvolta in maniera poco trasparente.
    Comunque sarebbe un guaio se tutti la pensassimo allo stesso modo, che piattezza, che noia…

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

Cerca